ENEA  
SEZIONE PROT-IDR

Progetto Regi Lagni

ENEA > PROT-IDR home page > regi lagni home page > volume 1 indice


VOLUME I

Parte V: 
SCHEDE DESCRITTIVE DEI LAGHI FLEGREI
ELEMENTI DI PRIMO INQUADRAMENTO

Gennaio 2002


IL LAGO PATRIA

SCHEDA DESCRITTIVA
(comprensiva di 44 fotografie)

 

CARATTERISTICHE GENERALI

NATURA DEL LAGO: Laguna salmastra – è il più meridionale dei laghi pontini
UBICAZIONE: Comune di Giuliano
SUPERFICIE:  200 [ha]
LUNGHEZZA: 2 [km]
LARGHEZZA: 1.5 [km] max
PROFONDITÀ:  media 1.5 [m]; max 3 [m]
VOLUME D’ACQUA: 2.5 *10E6 [m3]
BACINO IMBRIFERO: 120 [km2] delimitati a nord dal polder di San Sossio e dal bacino dei Regi Lagni, a sud dal bacino dell’alveo dei Camaldoli e dai polder di Licola e Varcaturo;

APPORTI DI ACQUA:

1. Canale Amore – acque pluviali drenanti le aree agricole poste nella zona a nord est della laguna ed estese fino all’abitato di Villa Literno;

2. Canale Vena : è un canale collettore delle acque scolanti di un polder situato a Nord ovest del lago Patria ed esteso circa 850 [ha]; le acque sono drenate e sollevate fino al lago mediante una stazione di idrovore con portate max di 6 [m3/s];

3. Sulla costa orientale alcuni rigagnoli convogliano acque dolci o debolmente salmastre, mentre più a sud tre sorgenti di acque dolci alimentano il lago con limitati apporti.

SBOCCO A MARE:

il lago comunica con il mare attraverso un canale di foce a forma di imbuto lungo circa 1.5 [km] con profondità media di 1 [m]; il canale è banchinato nel tratto terminale per circa 400[m] con pareti in calcestruzzo e tendenza ad insabbiarsi durante le mareggiate.

SCAMBI IDRICI: 

- In estate: deficit idrico per effetto dell’evaporazione, del ridotto scambio con il mare ed apporto degli affluenti;
- In autunno ed inverno: durante i periodo di forte piovosità si possono determinare aumenti di livello anche di 1 [m] e tale da riuscire a rompere la barra di foce provocando il deflusso delle acque al mare.


VINCOLI AMBIENTALI

Il lago è stato individuato come Sito di Interesse Comunitario proposto (pSIC) in base alla Direttiva 92/43/CEE “Habitat” (IT8030018)

ASSETTO URBANO ED ATTIVITÀ PRODUTTIVE

Forte urbanizzazione localizzata principalmente lungo le sponde del tratto terminate della laguna e del canale di foce.

Gli insediamenti si sviluppano disordinatamente in modo consistente lungo la costa sud orientale con una popolazione residente stimata di circa 6000 abitanti. Attualmente le acque reflue prodotte scaricano direttamente in laguna senza trattamento.

Nel territorio non urbanizzato è prevalente l’attività agricola e zootecnica.

Nel lago è praticata la pesca ed itticoltura con reti da posta, bertarelli e reti da chiusa di specie pregiate quali spigole, orate ed anguille.


STATO AMBIENTALE DEL CORPO IDRICO

ACQUE: Da campagne di monitoraggio eseguite negli ultimi anni dall’Università di Napoli (prof.a Maria Rigillo Troncone) e recentemente da ENEA, è risultato che la laguna è caratterizzata da uno stato ecologico di tipo subdistrofico le cui acque sono frequentemente soggette a crisi anossiche, specialmente in estate.
Lo stato subtrofico è confermato da elevate concentrazioni di clorofilla che nei campioni prelevati dall'Università di Na nel periodo di campionamento 89-90 variavano tra i 5 e i 200 mg/m3 con medie di 45 mg/m3.

Le sponde sono completamente banchinate.

Progressivo interramento della lugano ad opera di apporti pelitici delle acque continentali e degli sversamenti fognari abusivi.

SEDIMENTI: E' stata programmata da ENEA su commessa del Commissario di Governo (ordinanza n° 314 del 28/12/2000 del Presidente della Giunta Regionale di Campania - Commissario di governo) una campagna di caratterizzazione delle acque e dei sedimenti per la valutazione degli interventi di risanamento. I dati non sono ancora disponibili.


CONTESTO PAESAGGISTICO

Dalla osservazioni delle foto aeree, riprese con volo AIMA del 1996, e da sopraluoghi effettuati , il lago Patria si presenta fortemente antropizzato da insediamenti abitativi lungo le sponde delle canale di foce, fino al mare e lungo la costa sud orientale del lago.

Il resto del territorio mostra le caratteristiche di terreni in parte coltivati e in parte no.


INTERVENTI CARATTERIZZAZIONE E DI RISANAMENTO

Ad opera della struttura commissariale della Regione Campania sono già in corso interventi caratterizzazione e di risanamento ambientale:

1. COLLETTAMENTO ACQUE REFLUE: sono stati già appaltati i lavori per le opere di raccolta e collettamento delle acque reflue prodotte dall’insediamento abitativo posto sulla sponda destra del lago Patria in prossimità della foce; queste acque verrano quindi convogliate e trattate all’impianto di depurazione di Foce Regi Lagni; è in fase di completamento la progettazione preliminare (SOGESID) per le opere di raccolta e collettamento delle acque reflue prodotte dall’insediamenti abitativi localizzati lungo la sponda sinistra del lago, queste acque saranno collettate all’impianto di Cuma utilizzando il collettore litoraneo in corso di completamento.

2. CARATTERIZZAZIONE DEL LAGO e IPOTESI DI MIGLIORAMENTO AMBIENTALE: questa attività è stata commissionata all’ENEA dal commissario di Governo allo scopo di determinare lo stato di qualità del bacino lagunare e quindi le possibili ipotesi di miglioramento ambientale (ordinanza n° 314 del 28/12/2000 del Presidente della Giunta Regionale di Campania - Commissario di governo).

Lo studio ENEA è quindi preliminare alla valutazione di interventi di regimazione idraulica e di ripristino ambientale. Lo studio è in fase di completamento, in particolare l’ENEA ha promosso campagne di monitoraggio per il rilievo dei dati meteorologici, delle concentrazioni di nutrienti e di sostanza organica, di parametri in colonna d’acqua quali O2, salinità, clorofilla, pH, torbidità, azoto ammoniacale, nitrico e nitroso, ortofosfato, biomassa fito plantonica, coli fecali, streptococchi e di parametri anche nei sedimenti quali l’attività di solfato riduzione e di denitrificazione, il sediment oxygen, demand, il rilascio di fosforo e nutrienti.


clicca sulle immagini per ingrandire
05-2-vol1-fig002.jpg
RICOGNIZIONE DEL TERRITORIO CIRCOSTANTE IL LAGO PATRIA

05-2-vol1-fig003.jpg

Lago Patria: in rosso il percorso seguito, in giallo le stazioni fotografiche.

Punto  E-O Foto  Descrizione
ARRIVO  40°55,989 14°02,365 05-2-vol1-fig004.gif Particolare delle acque in prossimità delle rive del lago.Sono evidenti schiume, strati algali, e residui solidi organici di grosse dimensioni.
ARRIVO  40°55,989 14°02,365 05-2-vol1-fig005.jpg Vista panoramica del lago Patria dalla prima stazione fotografica, denominata ARRIVO.Le macchie scure che affiorano dal lago sono formazioni algali in punti di scarsa profondità.
ARRIVO  40°55,989 14°02,365 05-2-vol1-fig006.jpg Vista verso la parte settentrionale del lago, dal punto di osservazione ARRIVO.
ARRIVO  40°55,989 14°02,365 05-2-vol1-fig007.jpg  
ARRIVO  40°55,989 14°02,365 05-2-vol1-fig008.jpg Vista verso la parte meridionale del lago dal punto di osservazione ARRIVO.
ARRIVO  40°55,989 14°02,365 05-2-vol1-fig009.jpg Particolare della riva nel punto ARRIVO: lato verso nord.
ARRIVO  40°55,989 14°02,365 05-2-vol1-fig010.jpg Particolare della riva nel punto ARRIVO: lato verso sud.
ARRIVO  40°55,989 14°02,365 05-2-vol1-fig011.jpg Particolare delle schiume vicino alla vegetazione di Phragmites australis.
ARRIVO  40°55,989 14°02,365 05-2-vol1-fig012.jpg  
ARRIVO  40°55,989 14°02,365 05-2-vol1-fig013.jpg  
ARRIVO  40°55,989 14°02,365 05-2-vol1-fig014.jpg Reti da pesca nel lago.
ARRIVO  40°55,989 14°02,365 05-2-vol1-fig015.jpg Allevamenti di bufale circostanti il Lago Patria, in prossimità della stazione fotografica ARRIVO.
002 40°56,214 14°02,469 05-2-vol1-fig016.jpg Risalendo il lago verso nord, al punto di sosta 002 è localizzato il primo canale superficiale in entrata nel lago.
002 40°56,214 14°02,469 05-2-vol1-fig017.jpg Punto di immissione del canale nel lago.
002 40°56,214 14°02,469 05-2-vol1-fig018.jpg Ancora più a nord, nel punto di sosta 003 viene localizzato un secondo canale in arrivo al lago.Si può notare la presenza di rifiuti ingombranti e non biodegradabili, tra cui pneumatici.
002 40°56,214 14°02,469 05-2-vol1-fig019.jpg Muro di separazione tra il canale e la discarica
002 40°56,214 14°02,469 05-2-vol1-fig020.jpg Punto di immissione dello scarico 003 nel lago Patria.
003 40°56,410 14°02,467  05-2-vol1-fig021.jpg Canale in entrata al lago nel punto 003: ancora una foto.
OASI 40°56,658 14°02,327 05-2-vol1-fig022.jpg La quarta stazione fotografica, denominata OASI, è localizzata sul Canale Amore.Le sponde sono completamente cementificate.
OASI 40°56,658 14°02,327 05-2-vol1-fig023.jpg Ancora una immagine del Canale Amore, dalla sua riva destra.
OASI 40°56,658 14°02,327 05-2-vol1-fig024.jpg Foce del Canale Amore nel Lago Patria.
004 40°56,613 14°01,860 05-2-vol1-fig025.jpg    Poco più a nord del Canale Amore, i terreni presentano vaste depressioni, più basse del livello del lago
004 40°56,613 14°01,860 05-2-vol1-fig026.jpg  
004 40°56,613 14°01,860 05-2-vol1-fig027.jpg Particolare sui gabbioni presenti lungo la riva nord del lago.
005 40°56,473 14°01,536 05-2-vol1-fig028.jpg    Proseguendo verso nord, i terreni si mantengono più bassi del livello del lago e presentano una evidente propensione all’allagamento.
006 40°56,356 14°01,403 05-2-vol1-fig029.jpg    Il punto di sosta 006 è localizzato alla foce del canale dell’idrovora.
006 40°56,356 14°01,403 05-2-vol1-fig030.jpg Panorama sulle rive del lago oltre la foce del canale dell’idrovora, non raggiungibili da nessuna strada.
006 40°56,356 14°01,403 05-2-vol1-fig031.jpg Ponticello sul punto di foce del Canale dell’idrovora.
006 40°56,356 14°01,403 05-2-vol1-fig032.jpg Dal punto di foce, vista verso monte del canale dell’idrovora.Sullo sfondo verso destra è visibile l’edificio dell’idrovora.
006 40°56,356 14°01,403 05-2-vol1-fig033.jpg  
IDRO 40°56,425 14°01,240 05-2-vol1-fig034.jpg    Raggiunta l’idrovora, dal punto di sosta IDRO ecco il canale visto da qui: sullo sfondo il Lago Patria.
IDRO 40°56,425 14°01,240 05-2-vol1-fig035.jpg Edificio dell’idrovora, e punto di uscita delle acque.
IDRO 40°56,425 14°01,240 05-2-vol1-fig036.jpg Canale in entrata all’idrovora.Sullo sfondo, il territorio servito da questo consorzio di bonifica.
IDRO 40°56,425 14°01,240 05-2-vol1-fig037.jpg  
IDRO 40°56,425 14°01,240 05-2-vol1-fig038.jpg Particolare delle condotte in entrata all’idrovora.
IDRO 40°56,425 14°01,240 05-2-vol1-fig039.jpg Captazione delle acque in ingresso all’idrovora.
IDRO 40°56,425 14°01,240 05-2-vol1-fig040.jpg L’idrovora appartiene al Consorzio di Bonifica del Volturno inferiore.
IDRO 40°56,425 14°01,240 05-2-vol1-fig041.jpg Griglia a pettine delimitante le opere di presa dell’idrovora.
007 40°55,215 14°01,561 05-2-vol1-fig042.jpg    Al punto 007, localizzato sulla sponda opposta del lago, siamo in prossimità degli edifici.
007 40°55,215 14°01,561 05-2-vol1-fig043.jpg  
007 40°55,215 14°01,561 05-2-vol1-fig044.jpg Particolare delle acque in prossimità delle rive nel punto di sosta 007
FOCE 40°55,084 14°01,639 05-2-vol1-fig045.jpg    Vista del lago dal ponte stradale che ne attraversa la foce.(S

inserito nel web nel maggio 2003

top

ENEA > PROT-IDR home page > regi lagni home page > volume 1 indice